L’autonomia del movimento e l’insidia dei partiti. Note per non diventare ologrammi

E’ stato un caso che sia stata una dirigente regionale di SEL ad affermare l’esistenza di referenti con informazioni privilegiate sulle dinamiche all’interno del Forum. Che poi dichiari di essere più informata di noi sulle dinamiche del nostro movimento e ci comunichi la nostra posizione “minoritaria”(!?) è uno stupido tentativo di umiliare la esperienza locale fomentando un clima di antagonismo che non dovrebbe esistere e di certo non inaugura nei migliori dei modi, nella fase post referendaria, il dialogo tra movimento e partiti a livello locale. Continua a leggere

Annunci

Oceano dentro

Spesso ho avuto la sensazioni che la storia italiana proseguisse in circoli. Temi che si ritrovano periodicamente, processi che inciampano negli stessi ostacoli. La “questione meridionale” era già insopportabile da sentire dieci anni fa ed ecco che la ritrovo 150 anni indietro nei discorsi di un paese in cerca di unificazione. Il tema dell’austerità dentro il più grande partito di opposizione è uno degli argomenti ciclici. Cambiano scenari, passano decenni ed eccolo  all’ordine del giorno  come l’antidoto alla malattia cronaca e oscura del PCI dei finanziamenti illeciti, della pratica di detenere fette di potere a qualsiasi mezzo. Malattia recidiva verrebbe da dire se fosse stata estirpata. Continua a leggere

Riflessioni sul movimento acqua bene comune: nuove sfide per affermare la esperienza del popolo dell’acqua

Tratto da alcune discussioni sulla opportunità di mantenere nelle comunicazioni ufficiali (rapporti politici istituzionali) la formula Comitato promotore 2 sì per l’acqua bene comune o Forum italiano dei Movimenti per l’Acqua

Carissime/i

evidentemente si è dato per scontato passaggi  che scontati non lo sono.

Il Comitato 2 sì per l’acqua bene comune è stato lo strumento burocratico-giuridico per depositare quesiti maturati dentro l’immenso contenitore che è il  Forum italiano dei movimenti per l’acqua in un processo ricchissimo di inclusione. Processo più vecchio, più ricco, orizzontale, senza contorni chiari, più sincretico e più radicato nel territorio del comitato promotore stesso. Continua a leggere