Anima

All’improvviso ti raccontano di una lettera vecchia di oltre mezzo secolo di tuo nonno alla tua nonna trovata all’interno di un mattone nella loro antica casa.
La loro quotidianità mi travolge. La mancanza di lui, soprattuto di lui, è potente.
Ieri ho raccontato di loro, dell’invisibile presente, imponente nella mia vita.
Le pagine gialle, la sua bellissima caligrafia, i racconti dal battello che andava su e giù sul fiume delle Amazzone. Lui comandante comandato dall’impeto dell’acqua e della foresta.
Lui mi ha insegnato a leggere. Ricordo ancora la prima parola che lessi in vita mia: alma. Anima.
Mio nonno mi manca ancora oggi.
Quell’Amazzonia, idem.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...